I nostri Social

Covid-19

Problemi di lattazione ed effetti collaterali: gli studi sulle mamme vaccinate

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Analizzato un campione di mamme americane in gravidanza o in fase di allattamento: studiate le reazioni al vaccino

La campagna vaccinale vive di fasi diverse. Velocemente si cerca di risolvere le questioni irrisolte: raggiungere chi è in attesa della prima dose, passare alle terza inoculazione per alcune categorie e dare informazioni sempre più nette a categorie di persone che possono avere qualche remora in merito alla vaccinazione. Stavolta è toccato alle mamme.

Proprio per questa ultima circostanza, diventa di fondamentale importanza dare le informazioni maggiori alle donne in gravidanza e mamme in allattamento. Dare le giuste dritte per cercare di togliere ogni dubbio alle donne che si trovano in questa fase della propria vita. Convincerle che non ci sono problemi legati alla vaccinazione.

Dagli studi pubblicati sulla Breastfeeding Medicine e condotti dagli scienziati del Texas Tech University Health Sciences Center e dell’Università della California a San Diego, è emerso che la somministrazione contro il Coronavirus potrebbe provocare un’interruzione della lattazione ma i farmaci non hanno effetto negativo alcuni sui bambini allattati al seno.

Per quanto riguarda il primo studio, l’intervista ha riguardato ben 4455 madri in fase di allattamento che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid-19. Di queste, l’1.7% ha riportato un impatto negativo in fase di allattamento al seno con maggiori probabilità di manifestare dei sintomi associati al siero. Situazioni che, comunque, non hanno intaccato per nulla il grado di fiducia delle mamme in merito al vaccino. Tradotto, consenso alto nonostante tutto.

I bambini hanno mostrato irritabilità, insonnia o sonnolenza in pochissimi casi

Nel secondo studio, il team di Kerri Bertrand ha arruolato 180 donne associate al biorepository di ricerca sul latte umano di Mommy’s Milk. In questo caso, pochissimi effetti collaterali sono emersi nei bambini dopo le vaccinazioni delle madri. Gli eventi più comuni erano irritabilità, insonnia o sonnolenza.

Due studi dai quali sono emersi dati rassicuranti e che confermano ancora di più quanto sia importante la vaccinazione. E ciò vale anche nelle madri che possono continuare nel loro allattamento senza avere alcuna preoccupazione.

Questi dati sono rassicuranti – osservano gli scienziati – e rafforzano l’idea che anche le donne in fase di allattamento possono ricevere la vaccinazione e continuare ad allattare i loro figli senza troppe preoccupazioni”.  

Potrebbe anche interessare Vaccino donne in gravidanza e over12: l’appello di neonatologi, pediatri e ginecologi

Covid-19

Covid-19 e iperglicemia: lo studio dell’Università ‘Luigi Vanvitelli’

Pubblicato

il

iperglicemia
Tempo di lettura: 3 minuti

Raffaele Marfella, Professore ordinario Medicina interna presso l’Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’, racconta la genesi, lo sviluppo e la conclusione della ricerca

Iperglicemia e Covid-19: la prima può condizionare la seconda? È questa la domanda che si sono posti i maggiori esperti e professionisti dellUniversità degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ e proprio a partire da questa domanda è stato avviato ed elaborato un interessante ed innovativo studio teso a mirare proprio il rapporto tra le due patologie. Italian Medical News ha intervistato una delle principali figure dello studio: Raffaele Marfella, Professore ordinario di Medicina interna presso l’Università degli studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ e Dirigente Medico AOU Vanvitelli

Professore, può dirci come è nato lo studio e in che modo si è evoluto?

“Lo studio parte da un nostro background, legato agli effetti dell’iperglicemia e del diabete sulle malattie cardiovascolari. Sappiamo da anni, anche grazie ai contributi del nostro gruppo di ricerca, che l’iperglicemia è in grado di condizionare un po’ tutti quelli che sono gli eventi acuti. Partendo da questo dato, ci siamo chiesti se effettivamente il diabete, ma soprattutto l’iperglicemia, potesse in qualche modo condizionare anche l’andamento della malattia da Covid-19. Abbiamo cominciato questo studio osservando il seguente dato: i pazienti che al momento del ricovero registravano livelli di glicemia più alti, anche senza diagnosi di diabete, avevano una durata della malattia da Covid-19 più lunga della norma. Inoltre, molto spesso, presentavano delle complicanze decisamente gravi. Abbiamo dunque ipotizzato e poi dimostrato con una serie di pubblicazioni, che oggettivamente l’iperglicemia aumentava il danno da Covid”.

“L’aumento del glucosio peggiora la malattia da Covid-19”

Quanto è importante il controllo del glucosio nei pazienti con diabete di tipo 2, specie se affetti da Covid 19?

“Se, come abbiamo dimostrato, l’aumento del glucosio durante il ricovero determina un peggioramento della malattia Covid, ne consegue che il controllo della glicemia favoriva e migliorava l’outcome. Alla base di questo meccanismo bisogna fare un’importante considerazione: l’aumento del glucosio peggiora la malattia Covid 19 perché essa aumenta la coagulazione del sangue. Con il nostro studio abbiamo dimostrato che questo aumento della coagulazione è ampliato dall’iperglicemia. Per essere più chiaro: nei pazienti con glicemia di 180 mg/dL , considerando che il valore normale è massimo 120 mg/dL, il sangue coagula più facilmente. Dunque la situazione di un paziente affetto da Covid e con iperglicemia sarà caratterizzata da una notevole aumento della coagulazione del sangue. Il tutto provoca una situazione che definirei drammatica. Il dato positivo è che se noi abbassiamo la glicemia, la coagulazione migliora. Di conseguenza migliora anche la sopravvivenza dei nostri pazienti”. 

Il vostro studio si è basato (si legge sull’estratto) sull’analisi e la valutazione di 59 pazienti con Covid-19 ricoverati in ospedale, con particolare attenzione sui livelli glicemici e iperglicemici. Può dirci qualcosa in merito?

“Innanzitutto abbiamo differenziato i pazienti esclusivamente sui livelli di glicemia,  monitorandoli nel tempo, analizzando e registrando tutti gli eventi. Poi, a fine studio abbiamo realizzato un analisi post-hoc: dopo aver raccolto tutti i dati, di tutti i pazienti, c’è stata una selezione di quelli che erano sovrapponibili per età, patologie concomitanti, terapie e quant’altro. È un tipo di analisi statistica che ti consente di seguire tutti i pazienti all’inizio, per poi selezionare coloro che puoi confrontare. Un’analisi che parte generale per poi diventare selettiva. È una metodica che si usa per tutti gli studi osservazionali”.

Conclusioni dello studio

Come si può riassumere il senso dello studio?

“Con due considerazioni in particolare. La prima è negativa: ovvero che il paziente iperglicemico non è un paziente raro. Infatti poco meno del 50% dei pazienti ricoverati hanno livelli di glicemia superiori a 140 mg/dL. Dunque tantissime persone, anche senza diagnosi di diabete, sono a rischio di malattie più gravi. La considerazione positiva è che l’abbassamento della glicemia annulla l’effetto deleterio dell’iperglicemia stessa. Il senso di questo studio è di fare attenzione, tra i vari parametri, alla glicemia. Un parametro spesso sottovalutato. Bisogna porre l’attenzione sul controllo della glicemia che può dare ottimi risultati in termini di sopravvivenza”.

Vuole aggiungere qualcosa in particolare?

“Volevo sottolineare l’importanza che avuto l’Università ‘Luigi Vanvitelli’. Da tutti i reparti e da tutti i gruppi di ricerca è stato affrontato il problema Covid con uno spirito importante. Abbiamo dimostrato una significativa resilienza, adattando tutte le nostre conoscenze di ricercatori ad una malattia nuova che non conoscevamo come il SARS-CoV-2”.

Potrebbe interessare anche Diabete e Covid-19: un pericoloso binomio

Continua a leggere

Covid-19

Covid, da Sanofi-Gsk nuovo booster contro le varianti

Pubblicato

il

sanofi
Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo le prime indiscrezioni il booster fornisce una forte risposta immunitaria contro le varianti più preoccupanti, tra cui Omicron

Risultati incoraggianti contro le varianti di maggiore preoccupazione del Covid-19. È questo il responso relativo al nuovo vaccino booster di Sanofi-Gsk. È la stessa azienda (Sanofi) a riferirlo in un comunicato stampa in cui illustra i risultati di due studi clinici. Tra l’altro, il laboratorio francese sta proseguendo le sperimentazioni sull’uomo, anche come dose di richiamo. Sarebbe il primo vaccino commercializzato per entrambe le industrie farmaceutiche. 

Nello specifico, i dati di uno studio di fase III (l’ultimo prima della eventuale, ma probabile commercializzazione) sul vaccino di richiamo di nuova generazione di Sanofi e GSK hanno indotto un aumento significativo delle concentrazioni di anticorpi neutralizzanti, rispetto alle concentrazioni precedenti la somministrazione della dose di richiamo, come precisa Sanofi nel suo comunicato. 

In altre parole, il candidato booster offre un potenziamento immunitario negli adulti che in precedenza si erano immunizzati con vaccini mRNA. La riposta immunitaria sarebbe più forte rispetto al vaccino booster Comirnaty di Pfizer-BioNTech. Il nuovo booster ha dimostrato di avere il potenziale di proteggere contro le varianti di Covid-19 che destano maggiore preoccupazione, tra cui Omicron BA.1 e BA.2, con un profilo di sicurezza e tollerabilità favorevole. 

“In questo studio – recita il comunicato pubblicato da Sanofi – che comprendeva 247 soggetti, tutti e tre i vaccini hanno anche provocato anticorpi neutralizzanti contro la variante Omicron BA.1, con le più alte risposte generate dal candidato di nuova generazione Sanofi-GSK. I risultati dello studio COVIBOOST sono disponibili su un server di prestampa, in attesa della pubblicazione in una rivista peer-reviewed. In entrambi gli studi, il candidato al vaccino di prossima generazione Sanofi-GSK è stato ben tollerato, con un profilo di sicurezza favorevole. Nello studio VAT02 – conclude il comunicato – di coorte 2, sono riportati numeri bassi (meno del 4%) di reazioni di grado 3, tutti transitori e non”.

Potrebbe interessare anche FDA Usa, booster Pfizer per la fascia d’età tra i 12 e i 15 anni

Sanofi

Continua a leggere

Covid-19

Long Covid, studio scopre biomarcatori predittivi negli adolescenti

Pubblicato

il

Covid
Tempo di lettura: 2 minuti

I risultati della ricerca potrebbero aiutare a individuare nuove strategie per mitigare gli effetti a lungo termine del Covid

Potrebbe esserci un modo per sapere se un adolescente svilupperà il Long Covid dopo aver contratto il virus. Si tratterebbe di una serie di biomarcatori potenzialmente predittivi di una sindrome post-infezione che sembra essere sempre più frequente. A scoprirlo è stato uno studio pilota, coordinato da Marco Fiore e Carla Petrella dellIstituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma (Cnr-Ibbc). I risultati sono inoltre pubblici sulla rivista Diagnostics

Nello specifico, in una percentuale di guariti dal Covid-19 permane una condizione di malessere definita Long Covid. Questa è caratterizzata da astenia, affaticamento, respirazione difficoltosa e da sintomi cognitivi, come perdita di memoria, difficoltà di concentrazione, ma anche ansia e depressione. Questi vengono spesso indicati come ‘brain fog’ e sono alla base del quadro clinico definito come NeuroCovid. La grande scoperta dello studio è che i ricercatori hanno trovato un modo che può aiutare a individuare gli adolescenti più a rischio.

Le parole dell’esperto

Marco Fiore, uno dei due principali coordinatori dello studio, spiega nel dettaglio i risultati dello studio. “Abbiamo misurato i livelli di alcuni biomarcatori infiammatori e di due neurotrofine (Ngf e Bdnf). Questi sono fattori proteici che regolano la crescita, la sopravvivenza e la morfologia dei neuroni, nel siero di una piccola coorte di ragazzi e ragazze che avevano contratto l’infezione durante la seconda ondata della pandemia, tra settembre e ottobre 2020, ma negativi al momento del prelievo”. La ricerca ha visto la suddivisione dei ragazzi in 3 gruppi: asintomatici, sintomatici acuti e sintomatici acuti che nel tempo hanno sviluppato sintomi del Long Covid.

“Questi dati – prosegue Fiore – sono stati poi confrontati con i valori emersi da un gruppo campione che non aveva contratto la malattia. Abbiamo riscontrato che i livelli sierici di Ngf erano inferiori in tutti gli adolescenti che avevano contratto l’infezione da Sars-Cov-2, rispetto ai controlli sani. La relazione inversa fra livelli di Nfg e sindromi da stress – prosegue l’esperto – è ampiamente riportata dalla letteratura scientifica”. Nella sostanza, la ricerca ipotizza che la diminuzione di Ngf rifletta un’attivazione persistente dell’asse dello stresso, dovuta a un effetto diretto del virus oppure agli effetti psico-sociali conseguenti all’isolamento e a tutte le condizioni scaturite dai periodi di quarantena.

Gli esperti approfondiranno gli studi. La ricerca sarà allargata a una coorte di adolescenti più ampia. “I dati dello studio supportano però gia l’ipotesi che le variazioni sieriche di Ngf e Bdnf rappresentino un campanello d’allarme per l’effetto a lungo termine di Covid-19 – spiega ancora Fiore. Tramite questo studio si apriranno nuovi campi di indagine sia nell’ambito degli effetti fisici sia in quelli psicologici potenzialmente associabili al NeuroCovid” – conclude lo studioso.

Potrebbe interessare anche Long Covid genera nuova malattia cardiaca: “sindrome Pasc”

Covid

Continua a leggere

In evidenza

© Riproduzione riservata - Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.italianmedicalnews.it.