I nostri Social

Farmacologia

Mieloma multiplo, efficace nuova combinazione

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Buone notizie per il trattamento del mieloma multiplo: nuova combinazione di farmaci mostra effetti significativi rispetto all’attuale standard terapeutico

Una recente indagine sembra suggerire prospettive promettenti per gli individui colpiti da mieloma multiplo, come evidenziato da uno studio presentato da GSK, la casa farmaceutica responsabile di belantamab mafodotin. La combinazione di questo farmaco con bortezomib e desametasone rivela risultati significativi in confronto allo standard terapeutico attuale.

La combinazione ha evidenziato un vantaggio statisticamente significativo in termini di sopravvivenza libera da progressione (PFS). Belantamab mafodotin, quando associato a BorDex (ovvero bortezomib + desametasone), ha notevolmente esteso il periodo prima della progressione della malattia o dell’evento mortale rispetto a daratumumab più BorDex, il protocollo terapeutico standard attuale per questa categoria di pazienti. Al momento di questa analisi, è emerso anche un trend clinicamente significativo in termini di sopravvivenza complessiva (OS) con un valore p nominale inferiore a 0,0005, e lo studio continua a monitorare attentamente l’OS.

“I pazienti affetti da mieloma multiplo necessitano, dopo la prima recidiva, di opzioni terapeutiche efficaci, facilmente accessibili e con nuovi meccanismi d’azione”ha sottolineato Hesham Abdullah, vicepresidente senior, Global head oncology, R&D, Gsk. “Siamo particolarmente incoraggiati dal potenziale di belantamab mafodotin in combinazione con BorDex nel far fronte a elevate esigenze insoddisfatte nel Rrmm, dato il confronto testa a testa con il regime di cura standard basato su daratumumab” – ha aggiunto. La combinazione si è mostrata sicura e tollerabile.

Dreamm-8 e Dreamm-7

Sono vari gli studi che stanno analizzando le proprietà di belantamab mafodotin. Tra i più rilevanti c’è lo studio testa a testa Dreamm-8, che valuta belantamab mafodotin in combinazione con pomalidomide e desametasone rispetto a bortezomib in combinazione con pomalidomide e desametasone. I risultati di Dreamm-8 sono attesi a metà 2024.

Nello studio Dreamm-7, invece, è stato coinvolto un totale di 494 partecipanti, randomizzato con un rapporto 1:1 per ricevere belantamab mafodotin in combinazione con BorDex o una combinazione di daratumumab e BorDex. Belantamab mafodotin è stato somministrato alla dose di 2,5 mg/kg per via endovenosa ogni tre settimane. L’endpoint primario è la Pfs valutata da un comitato di revisione indipendente. Gli endpoint secondari chiave comprendono l’Os, la durata della risposta (DoR) e il tasso minimo di negatività residua della malattia (Mrd) valutato mediante sequenziamento di prossima generazione.

Fonte.

Potrebbe interessare anche Ecco perché i virus rendono più efficace l’immunoterapia

mieloma multiplo

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Farmacologia

Cancro al polmone, farmaco diminuisce il rischio di morte

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Si tratta di una terapia immunoterapica che ha l’effetto di ridurre del 28% il rischio di morte in caso di cancro al polmone. È quanto emerge dal recente Congresso della European Society for Medical Oncology (Esmo)

L’impiego di pembrolizumab nell’ambito della terapia immunologica dimostra di abbassare del 28% il rischio di decesso in caso di cancro al polmone, contribuendo a un aumento della sopravvivenza complessiva, con il 71% dei pazienti ancora in vita dopo 3 anni. Questo risultato emana dai dati derivanti dalla fase 3 dello studio Keynote-671, condotto su soggetti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC). Lo studio è emerso durante il Congresso della European Society for Medical Oncology (Esmo). Al termine di un follow-up di 36,6 mesi, l’utilizzo di pembrolizumab prima dell’intervento chirurgico, in combinazione con la chemioterapia, seguito da pembrolizumab come agente singolo dopo la resezione chirurgica, ha mostrato un miglioramento sostanziale nella sopravvivenza globale.

“Un importante passo in avanti”

“I risultati dello studio Keynote-671 rappresentano un importante passo in avanti e permetteranno di migliorare i risultati terapeutici dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule – spiega Silvia Novello, responsabile Oncologia Polmonare all’Ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Pembrolizumab più chemioterapia prima dell’intervento chirurgico e a seguire come singolo agente dopo la chirurgia ha il potenziale per diventare una strategia fondamentale che può modificare la storia di questa neoplasia in stadio precoce, aumentandone significativamente le possibilità di cura. Nel 2022, in Italia, sono stati stimati circa 44mila nuovi casi di tumore del polmone. C’è ancora un forte bisogno clinico insoddisfatto per questi pazienti perché, anche quando la malattia è diagnosticata in fase iniziale, i tassi di recidiva dopo la chirurgia restano elevati e anche su questo lo studio Keynote-671 ha dimostrato un impatto significativo” – conclude l’esperta.

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule costituisce la forma più diffusa di cancro polmonare, interessando l’81% dei casi. Uno degli ostacoli principali è rappresentato dalla diagnosi tardiva, coinvolgendo il 44% dei pazienti. Tale percentuale elevata incide negativamente sull’efficacia dei trattamenti, compromettendo l’esito complessivo delle terapie. 

Potrebbe interessare anche Nasce Sybil, lo strumento che prevede il rischio di cancro al polmone

cancro al polmone

Continua a leggere

Farmacologia

Un nuovo farmaco rallenta la malattia d’Alzheimer

Pubblicato

il

diagnosi
Tempo di lettura: 2 minuti

Si tratta di un anticorpo monoclonale che aiuta a rimuovere la beta-amiloide, proteina alla base delle placche caratteristiche dell’Alzheimer

Nuovo farmaco sperimentale rallenta la progressione della malattia di Alzheimer. Si tratta di donanemab, il quale riesce sia a ritardare l’aggravamento dei segni clinici della patologia sia a preservare la capacità di compiere le normali attività quotidiane. È quanto emerge da una sperimentazione clinica di fase III i cui dati sono stati pubblicati sul Journal dell’American Medical Association.

Donanemab è un anticorpo monoclonale che aiuta a rimuovere la beta-amiloide, vale a dire la proteina che sta alla base delle placche caratteristiche della malattia. La sperimentazione, denominata ‘Trailblazer-Alz 2’, ha coinvolto più di 1.700 pazienti con Alzheimer in fase iniziale, che hanno ricevuto il farmaco o un placebo. Dopo circa un anno e mezzo, nei malati trattati con il nuovo farmaco la malattia era progredita più lentamente: nello specifico, di circa il 35% nei pazienti con forme più precoci e del 22,3% se si consideravano tutti i pazienti.

I dati appena riportati si traducono in un rallentamento di 4,36 mesi. Inoltre, in circa la metà dei pazienti trattati con il nuovo farmaco la malattia non ha mostrato peggioramenti clinici per almeno un anno, rispetto al 29% dei pazienti che avevano ricevuto il placebo. I risultati della sperimentazione, in parte già anticipati a maggio, arrivano a pochi giorni dalla piena approvazione da parte dell’Fda di lecanemab, farmaco con un meccanismo di azione simile a donanemab (ne avevamo parlato qui).

Una nuova era

Questi farmaci rappresentano “l’inaugurazione di una nuova era della terapia della malattia di Alzheimer, si legge in un editoriale apparso sullo stesso numero della rivista. Restano però da sciogliere alcuni nodi. Ad esempio l’entità dei benefici clinici in relazione ai rischi di questi trattamenti. “Una diagnosi accurata e tempestiva, una discussione ponderata su rischi e benefici individualizzati e un’enfasi sulla gestione delle cure croniche non sono mai stati così importanti” – scrivono gli autori del commento. 

Clicca qui per leggere i risultati originali dello studio. 

Potrebbe interessare anche Alcuni batteri predicono la comparsa dell’Alzheimer

alzheimer

Continua a leggere

Farmacologia

Ema: approvati due nuovi farmaci nel meeting di giugno

Pubblicato

il

ema
Tempo di lettura: 2 minuti

L’agenzia europea per i medicinali (Ema) ha appena approvato due nuovi farmaci: uno riguarda l’emicrania, l’altro l’anemia associata a malattia renale cronica

Raccomandata l’approvazione di due nuovi farmaci da parte dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema). In particolare il comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema ha approvato i due neo medicinali nel meeting di giugno appena terminato. Il primo farmaco riguarda l’emicrania e il secondo l’anemia associata a malattia renale cronica. Ma entriamo nel dettaglio. 

Il Comitato ha raccomandato la concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio per Aquipta (atogepant monoidrato), destinato alla profilassi dell’emicrania negli adulti che hanno almeno quattro giorni di emicrania al mese. Si stima che circa il 15% della popolazione dell’UE soffra di emicrania, un tipo di mal di testa caratterizzato da attacchi ricorrenti di dolore pulsante che può essere moderato e forte su un lato della testa. Il Chmp ha poi approvato Jesduvroq (daprodustat) per il trattamento di pazienti adulti con anemia associata a malattia renale cronica. Si tratta di una condizione in cui i reni sono danneggiati e non riescono a filtrare il sangue come dovrebbero.

Presenti anche pareri negativi e domande ritirate

Il Chmp ha inoltre raccomandato il rifiuto dell’autorizzazione all’immissione in commercio di Albrioza (sodio fenilbutirrato/ursodoxicoltaurina) per il trattamento della sclerosi laterale amiotrofica, una rara malattia neurologica che colpisce le cellule nervose del cervello e del midollo spinale che controllano i movimenti muscolari volontari. Sono state invece ritirate le domande per i farmaci biosimilari Dyrupeg e Zefylti. Entrambi i farmaci erano destinati al trattamento della neutropenia, una condizione che colpisce il sistema immunitario, ma sono stati sviluppati come biosimilari di sostanze attive diverse

Raccomandazioni sull’estensione dell’indicazione terapeutica per otto farmaci
Il comitato ha raccomandato otto estensioni di indicazione per farmaci già autorizzati nell’Unione Europea  Comirnaty, ImjudoJardianceLonsurfMirceraRefixiaSoliris e Trodelvy.

Potrebbe interessare anche Boom di psicofarmaci tra adolescenti: l’appello degli psichiatri

farmaci

Continua a leggere

In evidenza

© Riproduzione riservata - Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione della fonte corretta www.italianmedicalnews.it.